ANTONIO PAGLIAFORA

Informatico per formazione, creativo per scelta, sognatore per difetto. La mia razionalità conduce la mia creatività verso percorsi inesplorati. Il Design per me è forma e funzione, come la comunicazione è un atto di ribellione… Ragionare fuori dagli schemi mi conduce attraverso il "trallallero trallallà" al cuore delle persone, perché oltre ad ottenere risultati… amo lasciare il segno.

MICHELE D'ERRICO

"Less is more" per me è più che vangelo. La sintesi fa parte del mio modo di vedere il mondo, linee precise che sintetizzano una forma, un'idea, un concetto. Non amo parlare troppo, fantasia, intuizione, decisione e velocità d'esecuzione sono per me alla base della comunicazione, tutto il resto è pura e mera decorazione.

OLIMPIA ESPOSITO

Amo il mare, mi piace passeggiare e viaggiare per dare sfogo alla mia voglia di scoperta che mi spinge ad osservare il mondo nelle sue più svariate sfaccettature, cercando nei dettagli l’essenza delle cose. Come un “esploratore digitale”, il Graphic designer è una figura apocalittica, un intellettuale travestito da netturbino, che raccoglie le informazioni che la gente si lascia alle spalle e che, nelle sue mani, diventano gli ingredienti per dar vita a nuove forme di comunicazione.

titty damiano

Sono caparbia e di principio, amo la correttezza e la sincerità, non mi piacciono le mezze misure. Se mi si da un compito è cosa certa che sarà portato a termine. L’organizzazione e la schedulazione sono il mio forte, riesco a programmare le cose ed organizzare scalette con la semplicità con cui il maestro Miyagi pota i suoi bonsai, i social? I miei bonsai quotidiani. Per la maggior parte delle donne vale il motto, “un diamante è per sempre” per me? Un gatto è per sempre!

ORNELLA AVVENTURATO

Sono ironica, curiosa e sempre in cerca di nuovi stimoli. Da quando frequento Watermellon ho dubbi sulla mia reale identità. Ricordate la protagonista della famosa serie televisiva degli anni ‘80 “Super Vicky”? Beh io no, perché sono troppo giovane per conoscerla... Ma ora mi chiamo come lei perché dicono che ho le sue stesse caratteristiche. A lavoro sono efficiente, veloce e risolutiva; amo distinguermi, trovare soluzioni efficaci e mi infastidisce avere il desktop in disordine. La critica è il mio punto di forza, perché penso che solo attraverso questa si può crescere professionalmente e umanamente.

KIRA

Mi chiamo Kira e sono la prima mascotte di Watermellon. Dolce, affettuosa ed educata. Mi piace stare sempre in compagnia dei miei amici a due zampe e il mio passatempo preferito è giocare con le bottiglie di plastica.

UNA

Sono Una, di nome e di fatto. Sono l'ultima arrivata di Watermellon e a differenza di mia mamma Kira sono una cucciola irrequieta e combinaguai. Appena sento odore di cibo corro in cucina alla ricerca di briciole da arraffare. Amo distruggere ogni cosa e giocare con la corda.